Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
©credits

iBeacon e guide digitali per Umbria Musei Digital Edition

“Investi in cultura”, così un’anziana signora mi ripeteva sempre quando partivo per qualche lontana meta.Questa volta ad investire in cultura e nella valorizzazione artistica del territorio ci ha pensato la Regione Umbria, ideando e realizzando il progetto “Umbria Musei Digital Edition”, che unisce promozione culturale, territoriale e innovazione tecnologica.

Il progetto “Umbria Musei Digital Edition” comprende 12 guide digitali gratuite e l’applicazione del sistema iBeacon ai musei di San Francesco a Montefalco e Palazzo Collicola a Spoleto. Inoltre si sta lavorando alla sua applicazione ad altri musei e realtà territoriali. A dare avvio all’applicazione degli iBeacon alla cultura umbra è stata una mostra temporanea eugubina: “Passione Umbria – ceraioli of Gubbio” del rinomatissimo fotografo Steve McCurry. La mostra, conclusasi lo scorso maggio, ha permesso per la prima volta in Umbria di sperimentare una nuova esperienza di visita, ottenendo un’ottima risposta soprattutto da parte di un pubblico di giovani e giovanissimi, amanti della tecnologia e delle sue innumerevoli applicazioni.

 

In seguito alla mostra temporanea di Gubbio il sistema iBeacon è stato applicato ad un museo stabile umbro: il museo San Francesco di Montefalco, che per festeggiare i 25 anni dall’apertura è stato dotato per primo del sistema iBeacon: “piccoli trasmettitori che si collegano ad un’applicazione che l’utente ha precedentemente scaricato sul suo smartphone o tablet: permettendo di guidare il visitatore alla scoperta del museo e delle opere presenti.” Così spiega Antonella Pinna, Dirigente del Servizio Musei e soprintendenza ai beni librari della Regione Umbria. Attualmente gli iBeacon sono cinque, posizionati in prossimità delle maggiori opere del museo; come le bellissime raffigurazioni francescane di Benozzo Gozzoli (metà 400) o la magnifica natività del Perugino del 1503. Il turismo sta cambiando e con esso anche gli strumenti usati dai visitatori. Se fino a qualche anno fa i visitatori usufruivano per lo più di materiali cartacei (mappe, guide eccetera), oggi il visitatore ha tutto ciò che gli occorre sul proprio smartphone o tablet collegato ad internet. E’ in questa chiave che il progetto “Umbria Musei Digital Edition” si è mosso, realizzando 12 guide gratuite scaricabili da AppleStore e PlayStore per Android. Le guide, in italiano e inglese, sono presenti per i musei della convenzione Terre e Musei dell’Umbria. Esse aprono degli interessanti squarci sulla bellezze e le eccellenze della città. “Le 12 guide digitali possono essere utilizzate nel corso della visita, prima della visita o a casa come un piacevole ricordo.” spiega Antonella Pinna del Servizio Musei. Ogni singola guida ha la possibilità di ingrandire i caratteri del testo, e presto saranno presenti anche gli audio per renderle accessibili anche a un pubblico con specifiche esigenze d’uso. L’Umbria punta a diventare una Regione smart, capace di cogliere l’innovazione tecnologica e di metterla a supporto della cultura, del turismo e della promozione turistica. Sperimentando e costruendo nuovi canali comunicativi.

Gloria Chiocci